Blog post

Ed eccoci arrivati al momento più atteso della settimana, quello della proclamazione della ricetta vincitrice del contest della community, il #Calendar52.

Questa settimana ha vinto a mani basse la ricetta di Lucia Melchiorre, della Frittata di Scammaro, direttamente dal libro del Cavalcanti Cucina Teorico-Pratica, su cui si basa la cucina della sua terra, Napoli e la Campania! Una frittata senza uova, ve lo immaginavate? Per la storia di questa preparazione insolita vi rimandiamo al blog di Lucia, e la ricetta è indicata di seguito.

Ingredienti
(per 4 persone)

280 g di spaghetti
2 spicchi d’aglio
100 g di olive nere tagliate a pezzettini
30 g di capperi
30 g di uva passa
30 g di pinoli
4 filetti di acciuga sott’olio
5 cucchiai di olio d’oliva extravergine
pepe nero macinato fresco
prezzemolo a piacere

Lessate gli spaghetti al dente.
Mentre cuociono gli spaghetti fate rosolare in padella l’aglio sminuzzato nell’olio. Appena lascio risulta rosolato, aggiungete le olive snocciolare e tagliate a metà, i capperi ben sciacquati. Fate insaporire per qualche minuto per poi aggiungere l’uva passa e i pinoli. Spegnete il fuoco ed aggiungete le acciughe tagliate a pezzetti. Aggiungete, se di vostro gradimento, del prezzemolo fresco sminuzzato.

Saltate in padella gli spaghetti con questo sughetto tenendo da parte un paio di cucchiai di condimento. (Vi consiglio sempre di tenere da parte anche un mestolo di acqua di cottura della pasta per aggiungerne qualora dovesse risultare troppo ammassato).

In una padella ben oleata e caldissima versate gli spaghetti aggiungendo al centro il condimento di olio tenuto da parte.Cuocete la frittata a fuoco alto per i primi 3 minuti per poi abbassare la fiamma. Per facilitare la cottura della frittata spostate la fiamma di tanto in tanto sui bordi della padella tenendola un paio di minuti per lato. In questo modo si otterrà un bordo perfetto.Dopo circa 6 minuti con l’aiuto di una forchetta sollevate leggermente la frittata. Se la parte inferiore risulta ben solida potete girare la frittata aiutandovi con un coperchio senza bordi rialzati o con un piatto piano. Procedete allo stesso modo per la cottura di questo lato.

Servite calda, tiepida o fredda….è buona a tutte le temperature!!!!!!

Congratulazioni Lucia, ritira qui il tuo bollino di vincitrice!!!!!

1 Comments

  • lucia

    3 maggio 2017 at 21:30

    Grazieeeeeee…sono contentissima…😍😍😍😍 Una ricetta non solo del mio cuore ma dell’antica tradizione della mia terra!!!!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post