Blog post

Oggi vi racconterò la leggenda del Mostro della Marinara Sauce. Un mostro non all’uso, un po’ come il leone per la gazzella, non che il leone sia intrinsecamente cattivo, ma la gazzella preferirebbe non diventare il suo pasto. Il Mostro non è un orco comune, ma tanti buongustai preferirebbero che non esistesse.

Il Mostro della Marinara Sauce partì per la lontana Terra Selvaggia aldilà del Mare lasciando la sua adorata Terra di Sole e Bontà. Una volta là, insieme alla Signora del Parmigiana Chicken formò una dolce famigliola. I loro piccoli ascoltavano estasiati le fantastiche storie che il papà Mostro raccontava loro sulla Terra di Sole e Bontà; come quasi tutti i mostri che cambiavano terra il nostro Mostro della Marinara Sauce non era proprio obiettivo nei suoi racconti e per i suoi piccini la Terra di Sole e Bontà era un luogo mitico pieno solo di cose buone che, ahimè, non esistevano nella Terra Selvaggia aldilà del Mare.

I piccoli Mostriciattoli della Marinara Sauce e le Signorine del Parmigiana Chicken decisero di riproporre una delle cose di cui il papà parlava più spesso per renderlo felice il giorno del suo compleanno, ossia la pasta al sugo.
I piccoletti cercarono e cercarono in tutta la Terra Selvaggia Aldilà del Mare, ma purtroppo gli ingredienti giusti per fare la pasta al sugo per papà Mostro non c’erano da nessuna parte…

Erano tristi i piccoli Mostriciattoli e le piccole Signorine ma, quasi sul punto di mollare, videro al supermercato una lattina con la bandiera della Terra di Sole e Bontà.
Quello che c’era al suo interno non era nato poi tanto lontano ma semplicemente a 250 miglia della Terra Selvaggia, da casa loro… trovarono poi una cipolla e dell’aglio assolutamente privi del profumo che raccontava loro il papà. Di basilico neanche l’ombra e il Parmigiano era introvabile così sostituirono questi ingredienti della Terra di Sole e Bontà con quello che trovarono nella Terra Selvaggia: prezzemolo al posto del basilico e un formaggio arancione e gommoso per rimpiazzare il Parmigiano.


E fu così che, dopo una cottura che rese il pomodoro acido, la pasta collosa e una grattugiata (rigorosamente con i fori larghi) del formaggio arancione rifinita con delle foglioline di prezzemolo , nacque la pasta con la Marinara Sauce.

Testi e fotografie a cura di Silvia de Lucas Rivera

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post