Blog post

La vita /ovalizzò in un calice /il suo splendore, la sua ombra,/la sua freschezza./Oh bacio/della bocca/nella prugna,/denti/e labbra/pieni/dell’ambra odorosa/della liquida/luce della prugna.

                     Pablo Neruda    – Ode alla Prugna                                  

Prugna o susina: quali delle due saranno nate prima?

La prugna o susina è il frutto del prunus domestica, un arbusto della famiglia delle rosacee che come tale condivide la stessa natura amabile e profumata che si diparte dalle rose, abbraccia albicocche e pesche, fino ad arrivare alle seducenti susine.

Il prunus è una pianta originaria dell’Asia, la cui frutta era conosciuta  già  dai romani che ne apprezzavano le innumerevoli virtù. Petronio annovera le prugne tra le prelibatezze del banchetto di Trimalcione, note erano già all’epoca  le loro proprietà blandamente lassative, altre virtù si trovano rappresentate su un mosaico che abbelliva un lupanare di Ercolano.

La denominazione prugna che accomuna tanto il frutto che la pianta, prunus, pare derivi dalla radice indoeuropea prus, bruciare, che si ricollegherebbe all’antico uso del legno di pruno per il fuoco o anche al colore scuro, simile a tizzoni arsi, dei frutti.

Si deve ai crociati la diffusione della prugna in tutta l’Europa insieme con la nuova denominazione, susina, che pare derivi dalla città di Susa in Persia dove la coltivazione del frutto ambrato era  particolarmente fiorente e rigogliosa.

Le due denominazioni già nel medioevo si affiancano ad indicare la stessa prelibata e succulente frutta.

Nel tempo, l’uso della frutta, la sua attitudine alla trasformazione, quasi un divenire altro da sé di questo frutto racchiuso tra due anime prima ancora che tra due nomi ne ha determinato la differenziazione etimologica. Susina indica quindi quelle varietà di prugna destinate ad essere consumate fresche, mentre prugna quelle varietà adatte anche all’essiccazione.

Molteplici le varietà di prugne e susine diverse per forma, colore, dimensione e consistenza, come molteplici le loro denominazioni, sempre evocative di bellezza, fascino e prelibatezza, goccia d’oro, boccon del re, coscia di monaca, favorita del sultano, fiocco del cardinale, mirabelle

Si fa presto a dire prugna secca!

Le prugne sono un tipico frutto estivo, maturano a luglio ma è possibile trovarle fino alla fine di agosto e, essiccate, tutto l’anno.

Ricche di  vitamine e  di sali minerali, le prugne e le susine rappresentano un vero toccasana per la salute anche per la presenza, nella buccia, di polifenoli e flavonoidi come la quercitina, che contrastano i radicali liberi e aiutano a fluidificare il sangue, e della difenil-isatina, che conferisce al frutto il noto, discreto, potere lassativo.

Oltre al consumo fresco ed essiccato le susine e le prugne trovano largo impiego in cucina.

Torte, dessert, liquori, ma non solo, la piacevole nota acidula della prugna ben si sposa con preparazioni salate soprattutto se accostata alle carni o ai formaggi.

Oggi vi presentiamo un piatto tipico della cucina triestina, un dolce particolarissimo a base di prugne, nel quale il dolce e salato si esaltano a vicenda in una delicata commistione. Quasi un piatto unico.

Vediamo come si preparano …

GNOCCHI DI SUSINE

da Stelvio, M., Cucina triestina, metodo e ricettario pratico economico (1936)

 

Ingredienti per 4 porzioni

per gli gnocchi:

1/2kg di patate

375 g di farina

1 uovo

latte

sale q.b.

per il ripieno:

1 kg prugne fresche

zucchero

cannella

per completare

burro

pangrattato

Cuocere le patate su fuoco forte; pelarle, passarle per lo schiacciapatate, cospargerle di sale e lasciar raffreddare; incorporarle con farina e qualche cucchiaiata di latte lavorando nell’impasto anche un uovo avvolgendo in ogni gnocco una prugna, con zucchero al posto del nocciolo (egual peso prugne e patate). Condire con pane rosolato nel burro e zucchero

Fonti

Enciclopedia Treccani, Susino

Taccuini Storici, Storia e Proprietà della Susina

Montanari, M. Prugne/Susine, doppio nome dalle stesse radici 

Di Nallo, E., La Prugna, simbolo di peccato..e moralità

 

Testi Anna Calabrese

Fotografie di Sara Sguerri e Fausta Lavagna

1 Comments

  • Calendario del cibo italiano: sfogliatine alle susine stanley con timo e cramberries – Scelgo un libro per bambini con la pancia piena!

    27 agosto 2017 at 9:02

    […] di susine stanley con finta pasta sfoglia a base di ricotta, che ho preparato in occasione della giornata nazionale a loro dedicata dal Calendario del cibo italiano, La finta pasta sfoglia si prepara velocemente il giorno prima e può essere una valida alternativa, […]

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post