Blog post

Le patate tanto apprezzate oggi, appena giunte dall’America era cosa che incuteva ancora timore: a scelta, poteva essere velenosa o provocare la lebbra o innescare imbarazzanti flatulenze, veniva disdegnata anche dai poveri.
Le patate sono oggi alla base di migliaia di ricette in tutto il mondo e sono un pilastro della tradizione italiana.


TORTA BACIOCCA
di Monica Costa

dosi per teglia 22 cm x 30 cm:

ripieno

600 g di patate bianche quarantine
180 g di cipolla rossa di Zerli
60 g di lardo
2 uova
50 g di farina 00
3 cucchiai di latte
rosmarino
maggiorana
parmigiano
sale fino
sale grosso
pepe
olio extravergine di oliva

sfoglia esterna

200 g di farina 0
90 g di acqua
2 cucchiai di olio extravergine

Iniziate preparando la pasta, create la fontana con la farina precedentemente setacciata, aggiungete un pizzico di sale e versatevi, poco a poco e continuando a mescolare, l’acqua e l’olio. Lavorate sino al raggiungimento di un impasto morbido ed elastico. Lasciate riposare per un’ora o anche due coperto da una ciotola sulla spianatoia.
Pelate le patate e tagliatele a fettine molto sottili (pochi mm), riponetele in uno scolapasta a strati alternandole con del sale grosso. Copritele con un piatto e ponetevi sopra un peso per permettere la perdita della loro acqua. Lasciate così per almeno 30 minuti.
Mettete sul fuoco una padella senza nulla all’interno. Pulite la cipolla e affettatela sottile. Appena la padella sarà calda, versatevi un filo d’olio e la cipolla affettata, cuocete a fuoco basso sino a renderla morbida. Salate. Togliete dal fuoco e mettete da parte.
Create ora la pastella che avvolgerà il ripieno con le uova, la farina 00 ed il latte. Aggiungete il trito fatto con lardo, rosmarino, maggiorana. Salate e pepate.
In una ciotola ampia unite alla pastella le patate precedentemente lavate ed asciugate e la cipolla stufata. Unite ancora un’abbondante spolverata di parmigiano e poco olio. Mescolate il ripieno in modo che la pastella avvolga per bene la patate.
Coprite con carta forno la teglia dove cuocerete la torta. Stendete la sfoglia il più sottilmente possibile col mattarello poi mettete le mani sotto la sfoglia e con le nocche continuate a stenderla. Dovrete creare una dimensione maggiore rispetto a quelle della teglia perché servirà anche per ricoprirla. Riempite l’involucro con il ripieno, livellatelo bene e copritelo completamente con la sfoglia in eccedenza. Preriscaldate il forno a 180° C, cuocete per circa 40 min. Servite tiepida, ma è buona anche fredda!

GATEAU O GATTO’ DI PATATE 
di Rossella Campa

1 kg di patate
2 uova
200 g di prosciutto cotto
200 g di mozzarella
parmigiano reggiano grattugiato
pangrattato
sale

Lavate bene le patate, immergetele in una pentola capiente piena d’acqua e cuocetele. Spellatele e schiacciatele quando sono ancora calde in una ciotola, lasciatele intiepidire. Nel frattempo tagliate la mozzarella e lasciatela sgocciolare per circa mezz’ora, tagliate il prosciutto a cubetti. Rivestite con la carta da forno una tortiera con stampo apribile, oliatela leggermente e spolveratela di pangrattato. Preriscaldate il forno a 180 °C.
Quando le patate sono tiepide amalgamatele con le uova. Con un terzo del composto base e le pareti dello stampo creando un guscio. Nel restante composto aggiungete prosciutto e mozzarella, aggiustate di sale. Versate il composto nel guscio di patate appena creato, livellate e cospargete la superficie di pangrattato misto a parmigiano reggiano. Create un motivo circolare con i rebbi di una forchetta. Cuocete in forno ventilato per circa 30/40 minuti. Lasciate intiepidire prima di sformare la torta.

POLPETTONE DI PATATE
di Tina Tarabelli

dosi per 4 persone

800 g di patate
2 uova
4 cucchiai di parmigiano grattugiato
100 g di pomodori pelati
uno spicchio di aglio tritato
una cipolla tritata
pangrattato
prezzemolo tritato
10 foglie di basilico
noce moscata
olio evo
sale e pepe

Lavate le patate e mettetele in una pentola con acqua fredda. Lessatele fin quando non risultano morbide. Soffriggete dolcemente la cipolla e l’aglio in una padella con 3 cucchiai di olio. Unite i pomodori pelati sgocciolati e tritati non troppo finemente, salate e pepate. Cuocete a fuoco basso per una decina di minuti.
Sbucciate le patate ancora calde, schiacciatele in una ciotola dove andranno aggiunte le uova, i pomodori, il parmigiano, un cucchiaio di prezzemolo, il basilico spezzettato e una grattata di noce moscata. Mescolate tutto bene aggiungendo sale e pepe. Se il composto dovesse risultare troppo morbido unite un paio di cucchiai di pangrattato.
Versate le patate in uno stampo da plumcake imburrato e spolverizzato di pangrattato o rivestito di carta forno anch’essa leggermente imburrata e spolverizzata. Livellate il tutto e compattate sbattendo lo stampo sul tavolo.
Cuocete in forno a 180 °C per 40 minuti. Togliete il polpettone dal forno e lasciatelo intiepidire per una decina di minuti prima di servire.

1 Comments

  • Polpettone di patate – TartetaTinA

    25 settembre 2018 at 9:04

    […] di un quadernino dove l’ho trascritta chissa da dove. Oggi  giornata della patata  del Calendario del Cibo Italiano mi sembra l’occasione giusta  per presentarlo anche a voi! POLPETTONE DI PATATE […]

Comments are closed.

Previous Post Next Post