Blog post

In un mondo frenetico spesso si dimentica l’importanza dell’equilibrio in cucina, si arriva di corsa ad ora di pranzo, il tempo è poco e al posto di preparare gustosi piatti si preferiscono i piatti pronti da riscaldare e spesso mangiati in fretta davanti al computer. Mangiare con equilibrio, come abbiamo visto nel ricchissimo precedente articolo, non è difficile e soprattutto non è sinonimo di mancanza di gusto si possono gustare dei piatti buonissimi senza esagerare con i grassi

PASTA ALLA CREMA DI PISELLI; ZUCCHINE E BOTTARGA
di Elena Broglia

dosi per 4 persone

350 g di piselli sgusciati
2 zucchine
1 scalogno
1 spicchio d’aglio
1 ciuffo di finocchietto fresco
4 cucchiai bottarga di muggine
350 g di Spaghetti
sale, pepe
olio extravergine

In una padella scaldate due cucchiai di olio, aggiungete uno scalogno tritato e i piselli, cuocete aggiungendo un po’ d’acqua per circa 20-25 minuti, aggiustare di sale e di pepe.
Frullatene con il minipimer circa 3/4 utilizzando il fondo di cottura aggiungendo un poco di finocchietto e tenete a parte gli altri.
Lavate la zucchina, affettatela e poi tagliate a julienne formando della specie di tagliolini. Scaldate un cucchiaio di olio, soffriggete lo spicchio d’aglio sbucciato e lasciatelo imbiondire. Aggiungete la julienne di zucchine, sale e pepe e lasciatele cuocere a fiamma media per 5 o 6 minuti, devono rimanere leggermente croccanti, mescolate spesso per non farle attaccare.
Nel frattempo cuocete la pasta, poco prima di scolarla, mettete la crema di piselli nel tegame delle zucchine e mescolate velocemente per amalgamare, aggiungete un po’ d’acqua di cottura della pasta se fosse troppo densa. Scolate la pasta al dente e versatela direttamente nel tegame del condimento, alzate la fiamma.
Mantecate la pasta mescolando continuamente per un paio di minuti.
Suddividete la pasta nei piatti, decorate con i piselli tenuti da parte, un ciuffo di finocchietto, e spolverizzate con la bottarga di muggine. Servite subito.

SPIEDINO DI PESCATRICE E MANGO
di Giuliana Fabris

dosi per 4 persone

1 piccola pescatrice intera
1 grosso mango maturo ma sodo
1 bicchiere di vino bianco
2 bastoncini di lemongrass
poco olio e poco burro
sale e pepe

salsa

130 ml di fumetto di pesce leggero
3 o 4 bastoncini di lemongrass
1 lime, solo il succo
3 cm di zenzero fresco
1 piccolo spicchio d’aglio
poco burro
sale, pepe

Mettete a bagno in acqua fredda i bastoncini per spiedini.

Affettate i bastoncini di lemongrass e uniteli al fumetto di pesce, aggiungete il succo di lime, lo zenzero a pezzetti e lo spicchio d’aglio. Cuocete a fuoco dolce per circa una ventina di minuti, poi filtrate tutto. Otterrete una salsa ridotta e abbastanza fluida.
Dividete la pescatrice in due parti, eliminando la grossa spina centrale. Eliminate anche eventuale pelle scura in eccesso. Tagliatela a pezzettoni non troppo grossi. Affettate i due bastoncini di lemongrass eliminando la parte inferiore troppo dura. Raccogliete i pezzi di pescatrice e di lemongrass in una scodella o una ciotola, bagnate tutto con il vino bianco, coprite e lasciate marinare per almeno un’ora.
Trascorso il tempo, scolate la pescatrice dalla marinatura, eliminate i pezzetti di lemongrass e asciugatela bene. Scaldate una padella antiaderente, unite una piccola noce di burro e scottate i pezzi di pescatrice da tutti i lati per qualche minuto, poi toglieteli e teneteli da parte. Preriscaldate il forno a 180 °C.
Sbucciate il mango e tagliatelo a pezzettoni.
Preparate gli spiedini infilzando i pezzi di pescatrice scottati alternandoli ai pezzi di mango. Trasferiteli in una teglia in cui avrete aggiunto un filo d’olio e una noce di burro, cuoceteli in forno per circa 15 minuti.
Scaldate la salsa filtrata poi, fuori dal fuoco, unite una piccola noce di burro molto fredda, roteate il pentolino in modo che il burro si sciolga addensando la salsa.
Mettetene un velo sui piatti e appoggiatevi sopra lo spiedino di pescatrice e mango. Decorare con un filo o due di erba cipollina eservite.

SORBETTO CREMOSO AL LIMONE
di Milena Zuppiroli

4 limoni biologici
250 gr di zucchero semolato
1 bicchierino da caffè scarso di vodka
1 albume pastorizzato (o di uova freschissime)
1/4 di l d’acqua (250 gr)

Mettete in freezer una vaschetta, tipo quella per plumcake, che in seguito servirà per contenere il sorbetto. Lavate e asciugate i limoni, togliete la buccia facendo attenzione a non tagliare la parte bianca. Versate in un pentolino acqua e zucchero, portandola a bollore a fuoco basso. Togliete dal fuoco e unite allo sciroppo le scorze di limone. Lasciatele in infusione fino a completo raffreddamento. Spremete i limoni e filtrare il succo in un colino a maglie strette e unitelo allo sciroppo di zucchero dopo aver eliminato le scorze di limone, aggiungete anche la vodka. Mescolate bene e versate il composto nella vaschetta lasciata in freezer a raffreddare. Copritela con la pellicola trasparente per alimenti e trasferitela in freezer per 40 minuti.
Trascorso il tempo indicato montate l’albume a neve e unitela poco per volta al sorbetto semi-congelato, frullate tutto con il mixer. Versate di nuovo nella vaschetta e riponete nuovamente in freezer. Congelate completamente per almeno 5 ore, poi prima di servirlo frullatelo nuovamente nel mixer. Guarnite il sorbetto con piccoli fili di scorzetta di limone.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post