Blog post

Nei secoli, il maiale si è adattato a tutte le cucine, a tutte le economie, a tutte le disponibilità del mercato. E’ su questo animale che noi Italiani abbiano fondato la nostra alimentazione nei secoli. Il risultato è un patrimonio di ricette unico al mondo, perché “del maiale non si butta via niente”. Dai salumi alle salsicce, alla porchetta, alle puntine la carne di maiale è molto versatile

il maiale
MAIALE IN CROSTA DI SEMI DI FINOCCHIO
di Tina Tarabelli

Per 4 persone

350 g di cime di rapa pulite
2 cucchiai di olio extra vergine
20 g di burro
2 pere piccole (360 g) tagliate a metà e private del torsolo
4 filetti di maiale (960 g)
1 cucchiaino di pepe nero macinato
2 cucchiaini di semi di finocchio
1 cucchiaio di senape
125 ml di brodo di pollo
125 ml di succo di pera
sale

Cuocete le cime di rapa al vapore, al microonde o bollite, finché sono tenere scolatele bene e mettete in una ciotola con un cucchiaio di olio. Condite a piacere, mescolate e coprite per tenere in caldo.
Sciogliete il burro a fuoco medio in una padella. Cuocete le pere per 5 minuti o finché sono dorate e un po’ tenere. Toglietele dalla padella e copritele per tenerle al caldo.
Nel frattempo mescolate il filetto di maiale, il pepe, i semi di finocchio, metà della senape e l’olio rimanente in una ciotola, il sale.
Cuocete il maiale nella stessa padella delle pere, girando ogni tanto, per 5/8 minuti ogni lato o finché non risulta cotto. Togliete i filetti dalla padella e copriteli con alluminio.
Rimettete la padella sul fuoco, aggiungete il brodo di pollo e il succo di pera. Cuocete a fuoco basso per 2 minuti o fin quando si raddensa un pochino. Versate la senape rimanente e mescolate bene. Servite i filetti con la salsa, le cime di rapa e le pere.

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post