Blog post

La nostra tradizione abbonda di golosi dolci fritti di Carnevale, tutti accomunati da un tuffo nell’olio sfrigolante e profondo. Non solo chiacchiere e cenci, i dolci fritti di carnevale si arricchiscono anche di Castagnole, fritoe, graffe, krapfen, pignolata, ravioli e tortelli.

dolci fritti
MINI KRAPFEN E TORCIGLIONI
di Katia Zanghì

ricetta tratta da “La Cucina Italiana”

500 g di farina
180 g di latte tiepido
100 g di tuorli
35 g di zucchero
80 g di burro fuso
25 g di lievito di birra
la scorza grattugiata di un limone
estratto di vaniglia
1 pizzico di sale
olio di arachidi per friggere
200 g di crema pasticcera (ottenuta con 500 g di latte, tre uova, 150 g di zucchero e 60 g di amido di mais)

Formate un panetto con il latte, il lievito e 50 grammi del quantitativo di farina previsto, facendo riposare per una ventina di minuti, al riparo da correnti. Intanto, setacciate la farina, formate la fontana ed aggiungete i tuorli, lo zucchero, il burro fuso, la buccia di limone, la vaniglia, il sale. Infine, anche il panetto preparato, che intanto sarà lievitato. Impastate bene e a lungo, senza assolutamente aggiungere altra farina, finché il composto farà le bolle.
Ponete a lievitare fino al raddoppio, in una ciotola coperta e al riparo da correnti.
Quando l’impasto è lievitato stendetelo in uno strato sottile su una spianatoia non infarinata, poi tagliatelo con un coppapasta in dischi della misura preferita. Mettete al centro di metà di questi crema o marmellata e ricopriteli con gli altri dischi. Sigillate perfettamente i due dischi coppandoli con un coppapasta di diametro leggermente inferiore.
Se l’impasto è stato lavorato correttamente, non vi sarà bisogno di altro, altrimenti, potete aiutarvi con poco uovo.
Una volta sagomati i Krapfen lasciateli lievitare ancora una mezzora.
Appena lievitati friggeteli, uno o due per volta, in olio profondo non troppo caldo, poi metteteli su carta da fritti per assorbire l’unto in eccesso e arrotolateli nello zucchero semolato.
Per preparare i torciglioni tagliate la pasta stesa in strisce e arrotolatele sulle apposite canne, fate lievitare e friggete sempre in olio profondo. Una volta coloriti estraeteli dall’olio, metteteli ad asciugare su di un foglio di carta assorbente, quindi estraeteli dalle canne e quando sono freddi farciteli di crema con una tasca da pasticceria.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post